Dagli anni 50 agli 80

Nel 1945 Gobbato viene assassinato e il compito di demilitarizzare Alfa Romeo è affidato a Pasquale Gallo. La progettazione, intanto, passa sotto la guida di Orazio Satta Puliga e della sua squadra. La produzione riprende faticosamente ma è ormai chiaro che dovrà abbandonare la connotazione elitaria-artigianale per industrializzarsi.
Nel frattempo le “Alfetta” 158 e 159 dominano i primi due Campionati del mondo della neonata Formula 1 e sul mercato debutta la 1900, per la prima volta dotata di scocca portante e prodotta in catena di montaggio.
Agli inizi degli anni Cinquanta Giuseppe Luraghi giunge ai vertici dell’azienda e vi rimarrà fino al 1974. Sarà un periodo di enorme sviluppo: Giulietta e Giulia faranno raggiungere ad Alfa Romeo proporzioni inaspettate, con un ritorno di immagine oltre ogni previsione. All’alba degli anni Sessanta prenderà il via la costruzione del nuovo stabilimento di Arese e della pista di Balocco.
Infine sarà varato il progetto Alfasud, mentre “Alfa Nord” metterà in produzione l’avveniristica Alfetta e le sue derivate: vetture moderne, veloci, tecnologicamente avanzate e apprezzate dal mercato.
La crisi energetica e una difficile situazione sociale, sindacale, politica e gestionale, però, decreteranno presto l’insorgere di nuove difficoltà.


condividi su

condividi su

LA MACCHINA DEL TEMPO
MUSEO STORICO ALFA ROMEO

STAFF DEL MUSEO NOTE LEGALI WEB CREDITS PRIVACY POLICY COOKIE POLICY
@Copyright 2015